Procida Capital of Culture 2022. The sea museum and tourism. Interview with Michele Talesco

Procida Capital of Culture 2022. The sea museum and tourism. Interview with Michele Talesco

Procida

Procida, a small and wild island in the Campania region elected Italian Capital of Culture 2022, is the undisputed protagonist of Italian tourism in recent months. Undoubtedly, the spotlight is now all on this small land in the middle of the sea that hosts around 10 thousand residents throughout the year and hundreds of thousands of tourists during the summer.

Today the island is a promoter of Italian culture, but what do you breathe walking through the picturesque villages that lead from Corricella to Terra Murata up to Chiaiolella and Vivara? The island of colorful houses is an evocative museum focused entirely on the culture of fishing and the maritime profession in all its parts.

Could such a museum be missing on the island of cats and fishermen? The Procida sea museum The sea museum is located in the historic building of the „Francesco Caracciolo“ Nautical Institute in the historic center of Procida. It is a very accurate museum that was created in 1996 to enhance and promote the maritime traditions of the island of Procida.

Initially, it was born as a pure educational project for the students of the Institute. Later, however, it acquired so much prominence and became so accurate that it deserved to become a real museum open to the public. There are two sections that make up the Sea Museum: the bibliographic one with the historical archive that perfectly documents the tradition of the Procidan seafarers and another area dedicated to the face that unites religion and seafaring activities on the island. Although it is true that each island has its own tradition that binds it closely to the sea, for Procida this bond is very intense and deep-rooted.

Certainly much more than Ischia and Capri. Above all, the first just mentioned, among the three sister islands, is the one that takes on the most semi-metropolitan aspect and you hardly feel the idea of ​​being on an island when you dock there. Procida is a wild dimension in its own right, difficult to explain and to be discovered. This is why, despite its proximity to the mainland, its inhabitants have always favored work at sea, in navigation.

Even today for many it is like this, it is a matter of deep and visceral traditions that separate from mere gain. Very young still today they choose the life of seafarers aware that it is a life made up of sacrifices and a lot of solitude. But among the Procidans it is very widespread, not only because it is an island, as already mentioned.

In short, when you pass through this small and characteristic island that lives its beauty in silence, do not shy away from taking a trip to the Sea Museum to allow yourself the privilege of better discovering the deep roots of an island that is much more than what it seems.

Opportunities of tourism in Procida

The desire to discover the culture and origins of the small island will grow exponentially thanks to the title acquired for 2022 and this will only increase the demand for stays and tourist services in Procida. And it is precisely on the basis of these needs that I spoke with Michele Talesco, owner of Immobiliare Procida the only real estate agency on the island, to better understand what are the advantages attached to this title and how they can actually be seized for investments in the tourism sector. and real estate.

„When it comes to Procida, it is common opinion to think that it has remained in the past, close to the 1960s. Yes, because here you can still breathe the idea of ​​the typical Italian holiday of the past: very few hotels (born in recent years), very few B & Bs and many houses rented to tourists or a destination for the owners who use them to enjoy the summer baths without going too far from the city. This makes it very different from Ischia but above all from Capri, where the tourist offer and demand are much more varied. Here the holiday home system continues to work very well and the idea of ​​expanding the offer by making it even more contemporary has only been emerging in recent years. The real estate value has always been around € 250,000 – € 260,000 then some variations clearly depend on the area but we have always been more or less on these prices here. Buying a house to make an income has certainly been a desire that has grown in recent years before the real estate market on the island worked mainly in the purchase of a first home because the primary need was to use the property for the holidays of the whole family. Lately, however, second homes have dominated the real estate market. 

Michele Talesco states with extreme certainty that the tourism market will grow considerably and if there is one certainty it is that on the island of Procida people will never stop needing properties to make them holiday accommodation. Whether it is independent houses or b & bs (hotels on the island are not very popular, only now the very first hotels are being born).

While, however, Talesco explains to me, buying a property and making it an income is always a good time, for real estate flipping this is the right time to buy. Because prices have not yet risen too much and invested now by doing renovation works (thanks also to the Eco and Earthquake bonuses) will increase the value and doubly justify the sale of the property at a higher price.

In addition, buying and reselling now will certainly speed up the time of the real estate transaction because there will be many investors and entrepreneurs interested in buying properties for income. What better opportunity, therefore, for those who intend to earn by making use of real estate flipping by buying, renovating, and selling at this thriving moment to other equally far-sighted investors?

In short, the earning possibilities, thanks to the tourism of Procida will not fail to arrive. Indeed, they will increase according to Michele Talesco of Immobiliare Procida. What needs to be done right away? Learn to act on time, without waiting, especially for flipping operations. Because trains like this pass a few times in life.

 

Procida Capitale della Cultura 2022: il museo del mare e non solo

 

Procida, piccola e selvaggia isola nel campano eletta Capitale Italiana della Cultura 2022 è la protagonista indiscussa del turismo italiano in questi mesi. Indubbiamente i riflettori adesso sono tutti puntati su questa piccola terra in mezzo al mare che ospita tutto l’anno circa 10 mila residenti e centinaia di migliaia di turisti nei periodi estivi.

Oggi l’isola si fa promotrice della cultura italiana, ma cosa si respira camminando per i suggestivi borghi che dalla Corricella portano a Terra Murata fino ad arrivare alla Chiaiolella e Vivara?

L’isola delle case colorate ospita un suggestivo museo incentrato interamente sulla cultura della pesca e della professione marittima in ogni sua parte. Poteva forse mancare un museo del genere sull’isola dei gatti e dei pescatori?

 

Il museo del mare di Procida

Il museo del mare si trova nel palazzo storico dell’Istituto Nautico “Francesco Caracciolo” nel centro storico di Procida. Si tratta di un accuratissimo museo che nasce nel 1996 per esaltare e promuovere le tradizioni marinare dell’isola di Procida.

Inizialmente è nato come puro progetto didattico per gli studenti dell’Istituto. Successivamente, però, ha acquisito talmente tanto rilievo ed è diventato così accurato da meritare di diventare un vero e proprio museo aperto al pubblico.

Sono due le sezioni che formano il Museo del Mare: quella bibliografica con l’archivio storico che documenta alla perfezione la tradizione dei marinari procidani e un’altra area dedicata al volto che accomuna religione e attività marinare dell’isola.

Per quanto sia vero che ogni isola ha la propria tradizione che la lega strettamente al mare, per Procida questo legame è molto inteso e radicato. Sicuramente molto più di Ischia e Capri. Soprattutto la prima appena menzionata, tra le tre isole sorelle, è quella che assume maggiormente il volto semi-metropolitano e poco si avverte l’idea di essere su un’isola quando vi si attracca.

Procida è una dimensione selvaggia a sé stante, difficile da spiegare e tutta da scoprire. Ecco perché, nonostante la sua vicinanza alla terra ferma, i suoi abitanti hanno da sempre prediletto il lavoro in mare, nella navigazione. Ancora oggi per molti è così, si tratta di tradizioni profonde e viscerali che scindono dal mero guadagno.

Giovanissimi ancora oggi scelgono la vita dei marittimi consapevoli che si tratta di una vita fatta di sacrifici e molta solitudine. Deve indubbiamente piacerti, non è cosa da tutti.

Ma tra i procidani è molto diffusa, non solo perché si tratta di un’isola, come già detto. Vi invito, se passerete di qui, a guardare bene nei loro occhi: in qualsiasi sguardo incontrerete il mare.

Come si dice? È una questione di sangue e tradizione.

Insomma, quando passerete per questa piccola e caratteristica isola che vive in silenzio la sua bellezza, non sottraetevi dal fare un salto al Museo del Mare per concedervi il privilegio di scoprire meglio le radici profonde di un’isola che è molto più di ciò che sembra.

 

Le opportunità del turismo a Procida

La voglia di scoprire cultura e origini della piccola isola cresceranno esponenzialmente grazie al titolo acquisito per il 2022 e questo non potrà far altro che crescere la richiesta di soggiorni e servizi turistici a Procida.

Ed è proprio sulla base di queste esigenze che ho parlato con Michele Talesco, proprietario di “Immobiliare Procida” unica agenzia immobiliare dell’isola, per comprendere meglio quali sono i vantaggi annessi a questo titolo e come effettivamente potranno essere colti per investimenti nel settore turistico e immobiliare.

“Quando si parla di Procida, è opinione comune pensare che sia rimasta in un tempo passato, vicino agli anni ’60. Eh già, perché qui si respira ancora l’idea della tipica vacanza all’italiana di una volta: pochissimi alberghi (nati negli ultimi anni), pochissimi B&B e tantissime case affittate ai turisti oppure meta dei proprietari che ne usufruiscono per godersi i bagni estivi senza allontanarsi troppo dalla città.

Questo la rende molto diversa da Ischia ma soprattutto da Capri, dove invece l’offerta e la domanda turistica sono molto più variegate. Qui continua a funzionare benissimo il sistema delle case vacanza e l’idea di allargare la proposta rendendola anche più contemporanea sta nascendo solo negli ultimi anni.

Il valore immobiliare si è sempre aggirato intorno ai 250.000 € – 260.000 € poi alcune variazioni dipendono chiaramente dalla zona ma siamo sempre stati più o meno su questi prezzi qui.

Acquistare casa per metterla a reddito è stata sicuramente una volontà cresciuta negli ultimi anni, prima il mercato della vendita immobiliare sull’isola funzionava soprattutto nell’acquisto di prima casa perché la necessità primaria era quella di utilizzare l’immobile per le vacanze di tutta la famiglia.

Ultimamente, invece, sono le seconde case a padroneggiare il mercato immobiliare. Si sta scoprendo finalmente il valore di mettere a reddito gli immobili attraverso il sistema degli affitti brevi per farne una vera e propria seconda entrata economica.

Ed è proprio questo che acquisirà forza in futuro: l’esigenza di crearsi delle entrate secondarie attraverso il mercato del turismo che non potrà far altro che crescere con questo riconoscimento dato a Procida.

Arriveremo anche a vendere immobili a 300.000 € – 350.000 € e sicuramente dopo Capitale della Cultura questi prezzi caleranno nuovamente ma senza ritornare quelli di un tempo. Perciò, anche dopo il 2022 ci aspettiamo che il valore immobiliare possa restare stabile intorno ai 280.000 €”.

Il dottor Talesco mi parla di due strategie di investimento ben precise: flipping immobiliare (acquisto di un immobile a un determinato valore, ristrutturazione dello stesso per aumentarne il valore, rivendita con prezzo maggiorato grazie agli interventi fatti che porteranno dunque un guadagno sull’operazione) oppure messa a reddito con formula affitti brevi (case vacanza e b&b per intenderci).

Michele Talesco afferma con estrema certezza che il mercato del turismo crescerà notevolmente e se c’è una certezza è che sull’isola di Procida non si smetterà mai di avere bisogno di immobili per farne alloggi per le vacanze. Sia che si tratti di case indipendenti che di b&b (gli alberghi sull’isola non sono molto diffusi, solo adesso stanno nascendo i primissimi hotel).

Mentre però, mi spiega Talesco, per acquistare un immobile e metterlo a reddito è sempre un buon momento, per il flipping immobiliare è questo il momento giusto per comprare. Perché i prezzi non sono ancora cresciuti troppo e investire adesso facendo lavori di ristrutturazione (grazie anche ai bonus Eco e Sisma) aumenteranno il valore e giustificheranno doppiamente la vendita dell’immobile a un prezzo più alto.

Inoltre, acquistare e rivendere adesso farà sicuramente velocizzare i tempi dell’operazione di compravendita immobiliare perché saranno molti gli investitori e gli imprenditori interessati a comprare immobili da mettere a reddito. Quale miglior occasione, dunque, per chi intende guadagnare avvalendosi del flipping immobiliare acquistando, ristrutturando e vendendo in questo florido momento ad altri altrettanto lungimiranti investitori?

Insomma, le possibilità di guadagno, grazie al turismo di Procida non mancheranno ad arrivare. Anzi, aumenteranno secondo Michele Talesco di Immobiliare Procida.

Cosa bisogna fare sin da subito? Imparare ad agire sul tempo, senza aspettare, soprattutto per le operazioni di flipping. Perché treni come questo passano poche volte nella vita.

Annalina Grasso
Annalina Grasso
Journalist, blogger, social media manager, art curator. I love writing, art, literature, cinema. I collaborate with Juliet Art Magazine and I manage the cultural magazine '900letterario. I write critical texts for artists. I was born and live in Italy, I like to travel, visit exhibitions and listen to classical and rock music.